PELLE ARROSSATA POST TRATTAMENTO ESTETICO

Cicatrici, lividi, gonfiori. Che fare?

Ogni intervento ha un prezzo. I progressi della medicina estetica hanno notevolmente ridotto quello che, in gergo, è definito il “down time”, ossia i tempi di recupero, grazie anche alla mini invasività dei trattamenti. Tuttavia qualche piccolo inconveniente, tipo un piccolo livido o un modesto gonfiore può sempre presentarsi dopo un filler o un trattamento di peeling. Diverso è per la chirurgia estetica che, a prescindere dalla zona, lascia inevitabilmente cicatrici da trattare con cura.

“Morale? Seguire attentamente i suggerimenti del medico che ha effettuato il trattamento, per mettersi al riparo da conseguenze e velocizzare ancor più il ritorno alla normalità.”

Cosa fare dopo un filler o il botulino? 

“Tra gli effetti collaterali più frequenti, comuni a tutti i filler iniettati con un ago, ci sono le ecchimosi, soprattutto in chi fa uso di acido acetilsalicilico, da sospendere almeno una settimana prima, o durante il ciclo mestruale

“In tali casi è utile un patch transdermico con vitamine (A, C, E) ed estratti vegetali liofilizzati (aloe vera, calendula, equiseto), oppure creme a base di vitamina K, arnica ed escina. Di solito scompaiono in qualche giorno e possono essere mascherati con un correttore cosmetico”.

“Immediatamente dopo il trattamento è normale un arrossamento temporaneo che, in genere, scompare dopo alcune ore. Può comparire anche un certo gonfiore per qualche ora, che può durare più a lungo in caso di aumento del volume delle labbra. In tali casi può essere utile applicare gli impacchi freddi la sera successiva e dormire con la testa un po’ sollevata per la prima notte”.

“Dopo un trattamento con un filler si deve evitare l’attività fisica intensa per 6 ore. Non esporsi al sole o fare attività al freddo fino a che rossori e gonfiori non siano scomparsi. Subito dopo un intervento con la tossina botulinica va invece evitato di stare con la testa in giù, massaggiare la zona trattata, e serve astenersi da attività sportiva, esposizione al sole e lampade”.

Occhio al sole con le cicatrici
“In caso di chirurgia le cicatrici, se esposte prematuramente, possono causare complicanze, come macchie scure e arrossamenti permanenti”, avverte la dermatologa. “Sappiamo infatti che l’energia degli UV è responsabile di fenomeni infiammatori che alterano la fisiologia di una cute sana. A maggior ragione a livello di cicatrici recenti, che sono di per sé già infiammate, a causa del processo di cicatrizzazione in atto”.

“Ecco perché la foto-protezione è essenziale, con schermi con SPF 50per un periodo non inferiore a 3 mesi. Stesse precauzioni se l’area anatomica interessata presenta esiti visibili di emorragia, come le ecchimosi che, se esposte ai raggi solari, possono trasformarsi in macchie definitive”.

“Alcuni pazienti sono poi predisposti a sviluppare brutte cicatrici, in conseguenza di una risposta riparativa abnorme del tessuto. Sono le cosiddette cicatrici ipertrofiche, in rilevo e indurite, oppure i cheloidi, che possono estendersi anche oltre i margini della lesione”.

In tale prospettiva la protezione solare non basta. Serve altresì tenere idratare e lenire, a volte può essere anche utile un’azione coprente per mascherare i “segni” del trattamento. #sapevatelo

COLOR&CARE Nude e Bronze

Acido Glicirretico, Acido Ialuronico, Urea (Brevetto Dermahyal®), SPF 50+ (Sun San UH Liposystem Complex ®)

Copre, lenisce, protegge, idrata.

VEDI I DETTAGLI DI COLOR&CARE Nude e Bronze

Come trattare la pelle dopo il peeling

Dopo un intervento di dermatologia estetica, quale il peeling chimico o la laserterapia (il cosiddetto laser resurfacing), la pelle del viso risulta più giovane. Nelle settimane che seguono l’intervento, però, la cute si presenta molto arrossata e necessita di cure particolari. Anche dopo un trattamento di depilazione definitiva con il laser, la pelle rimane più sensibile per qualche giorno: in questo caso, però, i disagi sono più contenuti e la cute irritata recupera presto il suo stato di salute.

Due tecniche per “rinnovare” i tessuti

Il peeling chimico e il laser resurfacing sono entrambe metodologie di rinnovamento della pelle. L’obiettivo e quello di distruggere la cute più superficiale, per stimolare la formazione di pelle nuova, più liscia e compatta.

È molto importante che questi trattamenti vengano effettuati da mani esperte. Se l’intervento è troppo superficiale, il risultato non è apprezzabile, mentre se si asporta una parte di tessuto troppo spessa, possono rimanere delle cicatrici. In quest’ultimo caso, inoltre, la cute risulta certamente più liscia, ma perde la sua microporosità e la trama naturale superficiale, per cui si presenta lucida e innaturale, somigliante a un foglio di plastica.

Per il PEELING si utilizza una sostanza chimica, un acido che brucia i tessuti più superficiali della pelle, attraverso una vera e propria reazione chimica.

IL LASER RESURFACING distrugge fisicamente lo strato superficiale della pelle. Il laser utilizza un’energia luminosa puntiforme molto intensa, che raggiunge temperature altissime e vaporizza i tessuti superficiali. Il danno termico che si crea stimola il collagene, con L’effetto di far contrarre la pelle: si ottiene un effetto lifting, per cui la pelle risulta più tonica e compatta.

IL “DOPO” INTERVENTO: UN PERIODO DELICATO

Sia il peeling chimico sia il laser resurfacing distruggono L’epidermide (lo strato più superficiale della pelle) e il derma (lo strato medio) superficiale. La cute si rinnova naturalmente: si riformerà creando uno strato più giovane. Dopo questi interventi la pelle appare arrossata, con edemi e secrezione di siero, prurito e bruciore. Si può ricoprire di una crosta che potrebbe impedire il normale movimento cutaneo.

Per impedirne la formazione, si ricopre la cute con unguenti a base di sostanze fortemente idratanti, che la mantengono morbida e impediscono l’eventuale formazione di cicatrici superficiali.

Dopo questo tipo di interventi la pelle del viso viene protetta con una medicazione occlusiva: si utilizzano cioè unguenti medicati a base di sostanze antibiotiche, che impediscono la comparsa di infezioni nel periodo successivo all’intervento. Nei primi giorni la medicazione viene effettuata e seguita direttamente dallo specialista.

I filler viso sono dei trattamenti estetici utili per contrastare i segni del’invecchiamento cutaneo della pelle del viso.” #sapevatelo

Icona Fenicottero Bioformula

Sei un medico e vuoi vedere contenuti esclusivi?

Richiedi le credenziali per accedere all’area riservata

La tua email (richiesto)

Dichiaro di accettare l'informativa sulla Privacy

Ci impegniamo a non divulgare a nessuno la tua email, odiamo lo spam quanto te!

E poi cosa succede?

L’epidermide resta irritata

Il processo di riparazione cutanea dura 8-10 giorni, ma ne sono necessari almeno 15 perché la pelle si ricostruisca completamente. In queste due settimane la cute è irritata e non si deve applicare alcun prodotto, né lavare il viso: la pelle è infatti, coperta dalla medicazione e sarà lo specialista a dare suggerimenti in merito.

La cute ha subito un trauma: vanno utilizzate sostanze in grado di aiutare il metabolismo (complesso delle trasformazioni chimiche dell’organismo), che aumenta nella fase di riparazione dei tessuti. Enzimi e vitamine favoriscono il metabolismo cellulare, mentre i flavonoidi (sostanze chimiche che contribuiscono a rinforzare i capillari e i piccoli vasi sanguigni) aiutano la ripresa dei vasi capillari, compromessi a causa dell’intervento.

LE PRECAUZIONI DA ADOTTARE

Dopo un intervento di peeling chimico o di laser resurfacing bisogna evitare il sole per almeno due mesi. L’ideale sarebbe non prenderlo per sei mesi, perché la pelle si potrebbe macchiare. Per questo motivo è opportuno utilizzare sempre una crema solare a schermo totale, che protegga completamente dai raggi ultravioletti.

È bene evitare anche di stare troppo al caldo. Il calore, infatti, dilata i vasi capillari che, dopo un intervento di questo genere, possono essere visibili. Sottoporsi a controlli regolari dallo specialista che ha effettuato l’intervento: il medico può cosi seguire il decorso della guarigione e suggerire via via l’utilizzo di prodotti che aiutino la pelle a riprendere le sue normali funzioni fisiologiche.

Una ripresa ottimale

Una volta trascorsi i primi 15 giorni, la pelle del viso rimarrà ancora arrossata per circa 30-40 giorni. Per tutto questo periodo, occorre utilizzare detergenti molto delicati e prodotti idratanti anallergici (che non dovrebbero provocare allergie): la cute, infatti, è stata lesionata ed è particolarmente sensibile.

Vanno utilizzati prodotti lenitivi per poter ripristinare i livelli ottimali di idratazione della pelle.

Possono essere usati prodotti a base di acido asiatico, o creme a base di vitamina C o anche soluzioni dermocosmetiche specifiche a base di Acido Glicirretico e Acido Ialuronico.

Questi prodotti favoriscono il processo di recupero cutaneo e migliorano la microcircolazione locale. Sono validi anche i prodotti a base di fosfolipidi (grassi contenenti acido fosforico), utili per ricostruire più velocemente il film idrolipidico (la naturale protezione della pelle fatta di acqua e grasso).

COLOR&CARE Nude e Bronze

Acido Glicirretico, Acido Ialuronico, Urea (Brevetto Dermahyal®), SPF 50+ (Sun San UH Liposystem Complex ®)

Copre, lenisce, protegge, idrata.

DESCRIZIONE PRODOTTO

Crema ricca di ingredienti ad azione emolliente, lenitiva e idratante: è la novità firmata Bioformula che garantisce un incarnato perfetto dopo qualsiasi trattamento di medicina estetica.
La versione “Bronze” è particolarmente adatta ai fototipi IV-V (Classificazione di Fitzpatrick).

Con color&care il medico assicura, al temine del trattamento in un solo gesto:

AZIONE COPRENTE: una copertura impeccabile, in due differenti nuance, che corregge le imperfezioni post-trattamento e assicura un risultato naturale e una sensazione immediata di comfort;

AZIONE LENITIVA: grazie alla presenza dell’Acido Glicirretico, che si estrae dalle radici di liquirizia, color&care garantisce un’azione lenitiva e riparatrice sulla pelle stressata dal trattamento;

AZIONE PROTETTIVA (SPF 50+): grazie al sistema di incapsulamento di filtri solari in nanostrutture SAN SUN UH LIPOSYSTEM COMPLEX® sviluppato da I.R.A. Istituto Ricerche Applicate, color&care permette un minor assorbimento dei filtri solari nella pelle, assicurando una protezione davvero efficace.

AZIONE IDRATANTE: un’idratazione profonda, garantita scientificamente dal brevetto I.R.A. Istituto Ricerche Applicate DERMAHYAL® che consiste in un sistema di reticolazione dell’Acido Ialuronico con l’Urea (nota per il suo potere fortemente idratante).

VEDI I DETTAGLI DI COLOR&CARE Nude e Bronze

Vuoi una soluzione domiciliare da consigliare ai tuoi pazienti per ottimizzare il risultato dei tuoi trattamenti?

“CI PENSA BIOFORMULA”

La nostra mission è quella di prolungare l’efficacia dei vostri trattamenti dando prodotti che rispettano i più elevati standard qualitativi: Bioformula, infatti, si impegna, da sempre, a idratare, ringiovanire, difendere e valorizzare al massimo la pelle dei vostri pazienti.
Grazie alle nostre formulazioni, studiate per l’utilizzo quotidiano, la pelle è in grado di rispondere meglio alle imperfezioni e ai segni del tempo.
Per tali motivi abbiamo studiato formulazioni:

  • Senza conservanti;
  • Senza coloranti
  • Senza allergeni
  • Senza profumi

In confezione airless per garantire sempre l’igiene e la freschezza della formulazione.

GUARDA TUTTE LE SOLUZIONI DERMOCOSMETICHE

LE NOSTRE LINEE DI PRODOTTO

SCOPRI ORA
Soluzioni sterili
SCOPRI ORA
Soluzioni peeling
SCOPRI ORA
Soluzioni pronte all’uso per macchinari medico-estetici
SCOPRI ORA
  Soluzioni Iniettabili
SCOPRI ORA
Soluzioni biostimolanti con  FILI PDO

vedi subito il catalogo prodotti

CLICCA QUI

Per acquistare i nostri prodotti accedi alla tua area riservata
oppure registrati allo shop

Utenti già registrati

ACCESSO GIÀ UTENTI

Nuovo Utente Privato

REGISTRAZIONE PRIVATO

Nuovo Utente Medico

ACCREDITAMENTO MEDICO

Rimani sempre aggiornato su prodotti e notizie.

Una newsletter per informarti su nuovi prodotti, eventi, articoli e molto altro

By |2018-11-06T05:25:41+00:00novembre 2nd, 2018|Acne e cicatrici, Esposizione solare, Filler, News, Pelle|